marketing gratis

Come fare marketing gratis

 

Se sei un Professionista o un Piccolo Imprenditore, ti sarai sicuramente trovato più volte a valutare l’idea di sperimentare nuovi modi per acquisire Clienti per la tua Attività ma,

vuoi per colpa della fumosità della materia, dei “Wanna Marchi” che popolano il settore, o più semplicemente per colpa dei tuoi impegni quotidiani che ti hanno subito rapito fuori da questo genere di idee,

ad oggi sei ancora fermo ai blocchi di partenza, e non hai mai implementato nessuna nuova azione concreta ad eccezione di quelle che, come vale per la maggior parte dei tuoi Colleghi Imprenditori, non si possa trovare tra le seguenti:

 

 

APERTO UNA PAGINA FACEBOOK

 

E’ gratis, lo sai già usare benissimo e tutti ne parlano come se fosse la cura per ogni male, no?

Quindi hai creato la pagina, hai invitato tutti i tuoi amici a mettere un like, ha pubblicato 5 post nel giro della prima settimana, altri 5 nel corso del mese successivo, poi hai notato che non succedeva nulla e quindi, se io oggi vado a visitare la tua pagina, trovo l’ultimo post pubblicato alla data di diversi mesi fa.

L’hai già abbandonata, perchè tanto non ti ha mai portato nulla.

Anzi a dire il vero, in un paio di occasioni hai ricevuto qualche commento e non appena sentito il beep della notifica hai pensato fosse un potenziale Cliente ma, appena avviata l’app hai scoperto che era stato un tuo amico a commentare.

Finita, pagina abbandonata.

 

 

EMAIL

 

Ogni giorno ne ricevi in quantità smisurata, tutti ne parlano bene, forse qualche tuo Collega Imprenditore ti ha addirittura parlato di servizi online che permettono di spedirne in modo massivo, con grafiche accattivanti e loghi ben fatti, e per di più, hai appreso che ne esistono versioni gratuite.

Volevi forse lasciarti sfuggire un’opportunità di questo tipo? certo che no.

E’ evidente che l’email ti permette di entrare in contatto con tutta la tua rubrica, contemporaneamente, con un semplice clic, e di sottoporre a centinaia di potenziali acquirenti il tuo servizio/prodotto, aumentando così le probabilità di incrementare il tuo fatturato.

Era da provare assolutamente, perchè in fondo scrivere una email promozionale ben fatta poteva costarti al massimo mezz’ora.

Così ti sei inventato qualche messaggio prendendo spunto dalle decine che anche tu ricevi quotidianamente, e lo hai spedito a tutti i tuoi contatti.

Ma cosa è andato storto? come mai di punto in bianco hai abbandonato quella strada?

Molto probabilmente, al terzo o quarto invio, quando ancora nessuno ti aveva contattato per aderire all’offerta, è arrivata la prima risposta alle tue email, solo che non era un ordine.

Era uno dei tuoi contatti che ti chiedeva gentilmente di smetterla di inviargliele.

 

 

VOLANTINAGGIO ED EVENTI LOCALI

 

Figli minori delle Fiere di settore, gli eventi locali hanno sempre rappresentato un luogo di aggregazione per i tuoi potenziali Clienti, e questo è vero dalla notte dei tempi.

Insomma, qual’è quell’Imprenditore che seppur non poteva permettersi uno stand fieristico, ha resistito dal piazzare un gazebo in qualche evento locale, presidiandolo personalmente o affiancato dalla giovane Nipote armata di volantini che con un bel sorriso e vestita con i loghi dell’Impresa, lottava per ottenere l’udienza dei visitatori ed illustrargli le caratteristiche della propria Attività.

Lo hanno fatto tutti, e sicuramente è stata un esperienza formativa.

Peccato che siano rari i casi in cui questa sia stata anche remunerativa.

 

Eppure questi tre esempi non si riferiscono ad errori, assolutamente no.

Il reale problema di chi si può riconoscere in questi esempi, è quello di aver investito (solo tempo o anche denaro che sia) in azioni che alle spalle non avevano una vera strategia.

Sono state azioni a spot, e che sicuramente sono state principalmente stimolate dall’averle viste fare ad altri.

Il problema è proprio questo, perchè purtroppo nell’era in cui viviamo fare queste azioni a spot non è più sufficiente.

Certo che ti può capitare qualche cliente che reagisce positivamente e ti genera redditività (specialmente se lavori a livello micro geolocalizzato), ma non è un sistema sul quale dovresti poter contare.

Non è scalabile, non è misurabile, non ci puoi costruire sopra un progetto, che è invece ciò che il marketing anche in una Piccola Impresa, purchè studiato, deve per definizione permetterti di fare.

Oggi il potenziale Cliente deve essere intercettato in uno stadio iniziale, ed accompagnato fino all’acquisto ripetuto passando da una serie di step che sono numericamente molto maggiori rispetto a solo pochi anni fa.

Concedimi la metafora cruda ma, è come se entrassi in una discoteca piena di figliole, le passassi una ad una e le chiedessi “usciamo insieme?” “usciamo insieme?” “usciamo insieme?” e le risposte fossero nell’ordine “no!” “no!” “no!” e preso atto di ciò, prendi e te ne vai.

Cosa completamente diversa è quella di stare lì, incrociare gli sguardi, sorridersi, rivolgersi una parola, e tutta quella bellissima serie di cose che io per primo mi annoio a fare nel privato, ma che sono esattamente ciò che occorre oggi per spostare un potenziale Cliente dallo status di “leggermente interessato” a “pagante”.

Oggi il mercato funziona così.

E’ per questo che la pagina Facebook, l’invio di email, i volantini, le telefonate di telemarketing, il porta a porta eccetera non si possono più considerare forme di marketing particolarmente intelligenti se fatte una tantum.

 

Questo non significa che non si possa fare marketing senza investire somme importanti, assolutamente no.

Fare marketing in una piccola Impresa significa di base, comunicare all’esterno il proprio modello di business, e questo è molto diverso dall’idea di far vedere ovunque il proprio logo (che è invece ciò che un pò tutti inizialmente pensiamo).

Quindi se è vero ciò, e almeno finchè resterà vero ciò, il marketing deve rappresentare uno standard studiato a tavolino, che inizia già da come si effettuano e ricevono le telefonate aziendali, dalla definizione di orari di reperibilità, dall’immagine professionale che si manifesta e dalla sistematizzazione di tutte quelle azioni che coinvolgono l’esperienza del Cliente.

Puoi star certo che nessun servizio digitale al mondo potrà far crescere davvero esponenzialmente il tuo fatturato, se poi di contro quando il potenziale Cliente telefona per fare all’ordine, la Segretaria risponde che alle 18.05 non c’è più nessuno, e che deve richiamare domani.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.